M.Magistrini - Autunno metafora del tempo e dello spazio

L’autunno è la stagione che più di altre mette in scena una profonda trasformazione della natura.
Lo scorrere del tempo accompagna il progressivo e inarrestabile decadimento della vegetazione mentre lo spazio, dilatato in simultanee e sovrapposte trasparenze, regala nuove e inaspettate figurazioni.
Nel momento di suo massimo splendore, la natura si prepara a morire per lasciare spazio al suo ciclico rinnovamento, in attesa di quei frutti che verranno.
L’incessante mutamento in atto, rappresentato in figura da scatti multipli in sequenza, trova affinità con il processo di crescita dell’uomo e sembra volerci ricordare che, così come la vegetazione si rinnova in un caleidoscopico processo di maturazione, allo stesso modo anche l’uomo riflette costantemente sul suo risveglio interiore.

Scatti multipli in sequenza su pellicola diapositiva Fuji Velvia – Sviluppo in cross-process.

GFS Social

facebooktwitteryoutubevimeoinstagram

Corso foto 2018

Audiovisivi

Portfolio Lab

Camera Osc. Lab

Stepping Stone


Polaroid Lab

cool hit counter

Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. Sono invece utilizzati cookie di terze parti legati alla presenza dei “social plugin”. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie. Voglio saperne di più